Il museo

Il Museo Casa Scelsi, aperto al pubblico dal 1996, nasce per volere di Giacinto Scelsi che ha lasciato con la sua musica, le sue poesie, i suoi scritti, anche il “luogo” da lui amato e dove per lunghi anni ha vissuto, operato, creato. Questo appartamento, di fronte al solenne scenario dei Fori, racconta l’uomo e l’artista Scelsi e qui possiamo ancora comprenderlo e ritrovarlo. Nel Museo ogni oggetto, ogni quadro, ogni strumento musicale, ogni libro ha la sua storia e, come per incanto, tutto si compone armoniosamente creando mille suggestioni. 

Ed ecco il pianoforte, che il Maestro suonava da virtuoso, le leggendarie ondiole con cui poteva esprimere e modellare il suo concetto di suono, i raffinati oggetti orientali, le antiche trombe tibetane – ricordo dei suoi viaggi in Oriente negli anni giovanili – il quadro con l’aerea figura di un Deva della musica, il celebre dittico di Salvador Dalì Coppia con le teste piene di nuvole, il cui originale è esposto al MART-Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto.
Inoltre le fotografie della sua infanzia, alcune con l’amata sorella Isabella a cui dedicherà poi la Fondazione e tra vari divertenti giocattoli, altre significative curiosità quali i suoi copricapo di foggia orientale.

Il grande bel terrazzo fiorito con la sua vista suggestiva ci regala una forte emozione e di fronte, sul Palatino, svetta sempre la palma tanto cara al Maestro. 

Sviluppo PanPot